Capri, regina dell’estate tra vip, nozze milionarie e feste esclusive

Sull’isola azzurra sono sbarcati i Duran Duran, Leo Bonucci, Ronaldo e Afef. Alla Fontelina il party di Faraone Mennella.

Leggi su: http://it.blastingnews.com/tv-gossip/2017/07/capri-regina-dellestate-tra-vip-nozze-milionarie-e-feste-esclusive-001818039.html

Annunci

Dal punto di vista di… MONICA COSTANTE

44 anni, una laurea in Conservazione dei Beni Culturali e un amore immenso per gli animali: Monica Costante è la protagonista dell’appuntamento odierno con la rubrica “Dal punto di vista di…”. “Ho iniziato interessandomi di gatti randagi – racconta – ma poi quando sei in ballo, le cose si susseguono, gli anni passano e ti accorgi che hai fatto tantissime cose, altrettante non le hai fatte bene, ti sei fatto dei nemici ma anche tanti amici con o senza coda, con i quali l’anno prossimo, Dio piacente, festeggerò 10 anni di volontariato”. Continua a leggere “Dal punto di vista di… MONICA COSTANTE”

Killer gatti, i Verdi: “Possibile mai che nessuno abbia visto nulla e collabori nell’individuare i responsabili del massacro?”

Una gatta è stata uccisa con i suoi cuccioli. A lanciare l’allarme è stata l’associazione “I Migliori Amici” che da anni si occupa di difendere gli animali che vivono all’ombra dei Faraglioni. “Sono anni – raccontano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli ideatore della radiazza – che i poveri gattini capresi vengono sterminati. Nel 2013 ci fu una vera e propria strage che spinse il primo cittadino di Capri a emettere una ordinanza in cui vietava di dare da mangiare ai randagi dell’isola. Anche quell’intervento fu inutile e il massacro continuò. Adesso l’incubo si ripete e ancora una volta nessuno abbia visto nulla o collabori per individuare i responsabili di questa ennesima barbarie verso una mamma e i suoi cuccioli uccisi senza nessuna valida ragione”.

Capri vs Anacapri: ecco i risultati del sondaggio

Spaccati sul comune unico, scelgono Franco Cerrotta e ritengono che gli sfotto’ tra capresi ed anacapresi siano una simpatica tradizione folcloristica, mentre l’argomento Sippic resta un tabù per tutti. Questi i principali risultati del sondaggio “semiserio” lanciato da CAPRICity sulla rivalità – vera o presunta – tra i due comuni isolani. Andiamo con ordine. Il 39,39% dei partecipanti ritiene che la rivalità tra Capri e Anacapri sia una simpatica tradizione folcloristica, seguito dal 34,34% che, invece, la ritiene retrograda e infantile. Per il 14,14%, invece, esprime in parte un complesso di inferiorità/superiorità, mentre il 12,12% reputa si tratti di un qualcosa di fisiologico per la troppa diversità tra i due territori. Abbiamo, poi, chiesto Capri cosa invidia ad Anacapri: l’orgoglio e il senso di appartenenza degli abitanti (55%), l’amministrazione comunale (17%), la genuinità, la compattezza e l’obbedienza (16%) e la Grotta Azzurra (12%). Al contrario, gli anacapresi invidiano a fama del comune capofila isolano (60,61%), il porto (35,35%), il gruppo consiliare di opposizione (3,03%) e l’impegno volontario nel sociale (1,01%). Quando capresi ed anacapresi litigano, l’80,81% ritiene si perdano di vista obiettivi comuni che necessitano di entrambe le forze, il 17,17% pensa “meno male che ci divide una Madonna” e il 2,02% “l’hanno voluta loro, noi siamo meglio”. L’argomento tabù a Capri a maggioranza è la Sippic (56,57%), seguito da raccolta differenziata (17,17%), petulanza (14,14%) e posti barca (12,12%). Ad Anacapri, invece, divieto sacrale di parlare di abusivismo edilizio (65,66%), Sippic (17,17%), opposizione (9,09%) e complesso di inferiorità (8,08%). Spaccati su un eventuale referendum suol comune unico: tra favorevoli e contrari c’è solo un voto di differenza (rispettivamente 42,42% e 41,41%), mentre il 16,16% non si esprime. E come sindaco dell’ipotetico comune unico dell’isola, il 40% vorrebbe Franco Cerrotta, seguito da Roberto Bozzaotre con il 25,88% e da Costantino Federico con il 12,94%. De Martino raccoglie l’11,76% dei consensi. L’ex assessore Riccardo Federico conquista il 5,88% dei voti, mentre fanalino di coda è il sindaco uscente di Capri, Ciro Lembo, con solo il 3,53% delle preferenze. A questo sondaggio hanno risposto in maggioranza cittadini residenti a Capri (54,55%), Anacapri (36,36%) o in altri comuni (9,09%). Il 47,96% appartiene alla fascia di età tra i 31 e i 50 anni, il 27,55% tra i 18 e i 30 anni, il 24,49% oltre i 50 anni.

 
 
 
 
 

                                                                                                                                        

Blog su WordPress.com.

Su ↑