Osservazioni di un falso residente 1.18 

NASPI

chi se ne frega?

12 novembre 2015, data del raduno organizzato autonomamente dai lavoratori stagionali per chiedere al Governo di rivedere il “Jobs Acts” che, ad oggi, penalizza chi percepisce il sussidio di disoccupazione essendo impiegato solo stagionalmente.

Larga partecipazione, ma sul versante “Capri” la pacifica manifestazione di ieri è stata un flop incredibile. Certo, incredibile solo per chi non conoscesse l’abitudine della maggior parte dei capresi di delegare ad altri la concreta amplificazione delle proprie sterili lamentele.

Insufficienza piena per i capresi, promosso Salvatore Ciuccio con il Movimento Cristiano Lavoratori che – proprio al grido di “no problem” – ha ignorato la scarsa adesione, portando comunque avanti l’iniziativa insieme a quelle poche decine di persone che hanno comprensibilmente scelto questo canale per farsi sentire.

Sebbene la piazza di Montecitorio non fosse piena, altre delegazioni erano presenti in maniera più massiccia ma che il problema “altrove” risulti sentito è dimostrato sia dal fatto che i rappresentanti dei manifestanti siano stati ricevuti e ascoltati dal Presidente della Commissione Lavoro Cesare Damiano, sia dal fatto che il senatore Sergio Puglia abbia parlato ai presenti in piazza della volontà di attuare un emendamento da inserire nella legge di stabilità.

Le amministrazioni comunali isolane avrebbero potuto e dovuto appoggiare l’iniziativa del neonato movimento – come è avvenuto nella vicina Sorrento con la presenza a Roma del sindaco Giuseppe Cuomo – per dimostrare la propria attenzione alla questione che, se non fosse stata disertata anche dalla gran parte dei diretti interessati, sarebbe chiaramente di pubblico interesse.

Non solo, una maggiore presenza delle istituzioni avrebbe evitato, per una volta, le solite strumentalizzazioni, puntualmente architettate dal circondario. Ricordiamolo però: la gente, per quanto pigra, non è stupida.
A questo punto, abbiate clemenza, sarebbe comprensibile se Ciuccio, componente del gruppo consiliare di minoranza “Avanti Capri”, portasse acqua al proprio mulino dopo l’iniziativa.
Non c’è dubbio che Salvatore Ciuccio abbia agito nel solo interesse dei lavoratori stagionali, come si evince dalla sua professione di dottore commercialista, ma – se vogliamo essere cinici – ha fatto centro anche dal punto di vista “elettorale”, nonostante la scarsa partecipazione: gli arriveranno complimenti meritati da molte più persone di quelle presenti alla manifestazione in quel di Roma. A lui, però, non a chi non c’era e vorrebbe bearsi del risultato personale di Ciuccio.

Bisogna capire che l’assenza di ognuno, a questa e ad altre iniziative, farà il gioco di chi ha i propri motivi affinché tutto resti com’è.

A meno che non vada bene così.

Falso Residente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: