L’ex Mercatino diventerà un centro polivalente per bambini, associazioni e musicisti

Due piani da adibire a centro polifunzionale con scopi ricreativi, culturali e turistici: sarà questa la futura destinazione dell’ex mercatino di Piazza Martiri D’Ungheria.

Lo hanno deciso nell’ultima seduta della giunta municipale – su proposta del vicesindaco Roberto Bozzaotre e del consigliere Antonino Esposito – che ha dato indirizzo all’ufficio lavori pubblici di porre in essere tutti gli atti necessari per progettare la risistemazione dell’immobile di proprietà del Comune di Capri. Partendo da un progetto preliminare di adeguamento del 2011, il piano definitivo sarà effettuato tramite lotti funzionali. Il mercatino, che nel 2010 era stato individuato come nuova sede dell’ufficio tecnico comunale e poi nel 2012 destinato a supermercato con un project financing mai realizzato, diventerà, dunque, uno spazio da destinare alla collettività isolana, come negli intenti dell’amministrazione capeggiata da Gianni De Martino, di restuire ai capresi la fruizione del patrimonio immobiliare. In particolare, sarà assecondata l’esigenza da parte di giovani e bambini di aree coperte fruibili a titolo gratuito – che tengano conto sia di occasioni di incontro che delle necessità delle associazioni presenti sul territorio – oltre che di spazi opportunamente attrezzati per svolgere attività musicali. Inoltre, considerate le consizioni in cui versano l’ingresso e i locali affacciati a nord – visibili i segni di degrado – appare urgente un restyling.

“Stiamo cercando – ha commentato il vicesindaco Roberto Bozzaotre – compatibilmente alle capacità di bilancio di restituire alla comunità gli spazi comuni. Il locale di piazzetta Martiri d’Ungheria si trasformerà in un centro polivalente e stiamo procedendo velocemente in tal senso. Il patrimonio del comune va assolutamente riqualificato”. 

Entusiasta il consigliere Antonino Esposito. “La delibera approvata segna l’inizio di un percorso impegnativo ma entusiasmante – afferma – e definisce, in maniera direi definitiva, la discontinuità rispetto alle scelte fatte nel recente passato: quegli spazi non saranno né uffici comunali né esercizi commerciali, ma spazi attrezzati destinati alla collettività e, soprattutto, ai nostri giovani. Ci vorrà del tempo, dalla fase progettuale al completamento dei lavori ma da oggi siamo tutti finalmente impegnati per recuperare questa parte così importante del nostro patrimonio immobiliare dal degrado in cui versa da troppo tempo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: