Ancora abusi a Villa Bismarck 

Ad accorgersi degli illeciti questa volta sono stati i finanzieri della tenenza di Capri, guidati dal luogotenente Pietro Varlese, che hanno scoperto ampliamenti volumetrici per 230 metri quadrati realizzati senza alcuna autorizzazione. Gli abusi edilizi, per un valore di circa tre milioni di euro, sono stati accertati in una delle unità abitative che compongono lo storico complesso di Palazzo a Mare, da anni frazionato e venduto a privati.

I responsabili, due italiani e un cittadino straniero, sono stati denunciati alla Procura. Già nel 2011 Villa Bismarck finì nel mirino dei controlli anti abusivismo. Residenza imperiale e fortino ai tempi di Murat, prima, dimora del mito, oggi. L’attuale complesso (uno centrale più sette villette adiacenti con discesa a mare privata) fu edificato dal pittore ungherese Hahn nella metà dell’Ottocento. Venne, poi, acquistata dal francese Dubufe (che vi ospitò, tra gli altri, anche il compositore Georg Bizet) e dalla miliardaria americana Mona Williams che, in secondo nozze, sposò il Conte Eddie Von Bismarck, discendente del cancelliere tedesco. Eclettica e mondana, la contessa aveva spesso ospiti Aristotele Onassis, Ranieri di Monaco e Grace Kelly e Gabriella di Savoia. Alla sua morte, avrebbe voluto che il Fortino diventasse, attraverso la creazione di una fondazione, un buen retiro per giovani artisti internazionali. Di diverso parere, i suoi eredi che, invece, hanno smembrato la proprietà e venduto singolarmente gli immobili. Oggi è possibile soggiornare in villa per costosissimi soggiorni luxury.
(Nella foto, la cappella privata del complesso di a Villa Bismarck)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: